Sentenza Tribunale di Reggio Calabria -Giudizio di accertamento dell'obbligo del terzo

TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA
SEZIONE I CIVILE
GIUDICE MONOCRATICO DOTT.SSA VINCENZA BELLINI
proc. civ. 1484/2010 - sentenza del 09.03.2014
 
Il Tribunale di Reggio Calabria, pronunciandosi nel giudizio di accertamento dell'obbligo del terzo, introdotto da un creditore dell'ASP di Reggio Calabria per accertare e dichiarare l'esistenza del credito dell'ASP nei confronti della Banca convenuta, ha accolto la domanda formulata dall'attore, riconoscendo la disponibilità di somme alla data del pignoramento sul conto di tesoreria dell'ASP di Reggio Calabria gestito dalla Banca Nazionale del Lavoro spa. In particolare, il Tribunale, con la importante pronuncia ha statuito che "[...]ai fini delle azioni esecutive, il terzo debitore sia individuato dalla norma speciale non già in base al mero rapporto di debito che caratterizza la consueta relazione tra un ente e la sua banca, bensì secondo uno schema articolato che valorizza il ruolo operativo e gestionale dell'istituto bancario, chiamato ad effettuare le operazioni contabili anche relative a fondi che non giacciono presso il cassiere o tesoriere, ma sono invece depositati presso un altro organismo ancora, vale a dire la tesoreria provinciale dello Stato: il pignoramento e il sequestro si eseguono presso il tesoriere o cassiere non nella veste ordinaria che detto istituto assume, ma nella veste speciale strettamente collegata al meccanismo della tesoreria unica[...]"